Autore: giuseppe

Pisa Odontoiatrica news

Commissione dell’Albo degli Odontoiatri di Pisa In questo numero di Pisa Medica, prendendo anche spunto dalla stampa di settore e dalle comunicazioni pervenute al nostro Ordine, abbiamo cercato di raccogliere le informative di più rilevante interesse per la nostra professione e che hanno caratterizzato queste ultime settimane di fine anno 2016. Ci preme anche ricordare che entro l’11 gennaio 2017 i lavoratori degli studi odontoiatrici e coloro che hanno effettuato il corso RSPP entro il 2012 devono effettuare un corso di aggiornamento obbligatorio in tema di Salute e Sicurezza sui luoghi di lavoro. Autorizzazioni regionali Proprio in questi ultimi...

Read More

Insieme, contro ogni violenza

GIUSEPPE FIGLINI Direttore Responsabile Contro ogni violenza, in qualunque forma essa si manifesti. E’ sempre stato e sempre sarà il nostro compito prioritario e, soprattutto, il nostro dovere morale. Davanti ad un fenomeno dilagante ed inarrestabile, è nostro preciso impegno alzare il livello d’attenzione nel rapporto con ogni paziente, interpretare con professionalità anche taluni aspetti o segnali marginali oppure semplici sfumature che possano indurre a sospettare una condizione di violenza, di sopruso indipendentemente dall’età o dal sesso e poi compiere sollecitamente gli opportuni passi e prendere con decisione i necessari provvedimenti. I numeri sono purtroppo indiscutibili. Ma una cosa...

Read More

La giornata del medico 2016

Doady Giugliano, Giornalista   La Sanità pisana si coniuga sempre più al femminile. E’ questo il dato più significativo emerso nel corso dell’annuale “Giornata del Medico” , alla presenza di un consistente numero di professionisti del settore: medici di base, ospedalieri, universitari, odontoiatri, iscritti all’Ordine di Pisa, il secondo per grandezza, dopo quello di Firenze. Un trend nazionale che  non sembra arrestarsi, che vede il gentil sesso acquisire ruoli di prestigio soprattutto all’interno del Servizio Sanitario Pubblico. Pisa non è da meno come si evince dai numeri forniti durante l’evento di presentazione dei nuovi iscritti. Agli attuali 4126 i si...

Read More

Dialisi e territorio: nuove prospettive

G. Grazi, B. Catania, G. Manca Rizza, M. Meriggioli, A. Kanaki Nefrologia e Dialisi Ospedale “Lotti” Pontedera L’evoluzione della dialisi domiciliare ha segnato le principali tappe nella storia della terapia sostitutiva dell’insufficienza renale cronica. Infatti l’emodialisi domiciliare è stata da subito considerata come una alternativa possibile al trattamento in ambito nosocomiale, ma in ogni caso di difficile realizzazione a causa dell’enorme impatto organizzativo che comportava. Col tempo pertanto si sono affermati i trattamenti ospedalieri con la creazione di una rete di centri dialisi diffusa su tutto il territorio, dai grandi ospedali fino ai centri più periferici. Per decenni si...

Read More

Anziani e anemie carenziali: il punto in medicina interna

M. Taddei, Direttore U.O. Medicina IV SSN AOUP S. Mechelli, Dirigente medico U.O. Medicina IV SSN AOUP L’anemia è una delle problematiche ematologiche di più frequente riscontro in età avanzata (> 65 anni) e la sua prevalenza aumenta con ogni decade, sia nei maschi che nelle femmine (circa 30% nella popolazione ultrasessantacinquenni; 45% nella popolazione ultraottantacinquenne). L’anemia ha un impatto importante sulla qualità di vita del soggetto poiché può ridurre significativamente l’autosufficienza, rendendo il soggetto fragile. E’ un problema sottostimato e sottotrattato tanto da avere un risvolto considerevole sulla salute, sui costi e sulla qualità di vita. I sintomi sono aspecifici e spesso misconosciuti, rappresentati da astenia, riduzione delle capacità cognitive, maggiore facilità alle cadute, dispnea; sintomi presenti in altre patologie dell’anziano. L’eziologia nei soggetti anziani è spesso multifattoriale: carenziale, dadisordinecronico, daridottaproduzione midollare, da neoplasie. Nella pratica clinica in medicina interna le anemie carenziali rappresentano una percentuale rilevante come causa di ricovero e prolungamento della degenza ospedaliera. Le anemie carenziali Le carenze più frequenti sono quelle di ferro, vitamina B12 ed acido folico. – Carenza marziale: La causa più frequente è rappresen- tata dalla perdita, che per la maggioranza dei casi avviene nel tratto gastroenterico e del tratto urinario. Nell’anziano è possibile che la carenza di ferro possa derivare da un ridotto apporto alimentare (dieta non adeguata) o da un ridotto assorbimento. Nella diagnosi precoce sono impor- tanti pochi...

Read More
  • 1
  • 2